Donald Trump accusato di frode fiscale: avrebbe evaso 20 milioni di tasse

26 Maggio 2016, di Alessandra Caparello

NEW YORK (WSI) – Guai in vista per Donald Trump. Il tycoon newyorchese, candidato per il Grand Old Party, il partito repubblicano alla Casa Bianca, avrebbe evaso il fisco americano.

A rivelarlo il quotidiano britannico Telegraph che sarebbe in possesso di documenti che provano la “frode fiscale” perpetrata da Trump, emersa nel corso di un’azione legale lanciata dagli ex dipendenti della Bayrock Group, società immobiliare partner del tycoon che avrebbe siglato con la islandese FL Group un accordo per un investimento da 50 milioni di dollari in quattro consociate della stessa Bayrock.

Secondo il quotidiano l’investimento fu indicato come ‘loan’, ossia prestito. Nello stato di New York, proprio per la vendita di una quota di partecipazione in una società si deve pagare oltre il 40 per cento di tasse sui “guadagni” ma l’investimento di Trump viene registrato come un prestito e perciò il pagamento fu eluso. Si tratterebbe di circa 20 milioni di dollari di tasse evase.

A indagare è ora l’Irs, il Fisco americano, che dovrà decidere se procedere o meno contro Donald Trump per l’eventuale frode fiscale.