Demoscopika: il 15,3% degli italiani rinuncerà alle vacanze per ragioni economiche

12 Giugno 2020, di Alberto Battaglia

Metà degli italiani, nonostante la crisi del Covid-19, dichiara che quest’anno andrà in vacanza. La metà restante, tuttavia, mostra una quota consistente di cittadini che si vedranno costretti a rinunciarvi a causa di impossibilità economiche (15,3%). In particolare, sacrificheranno le vacanze soprattutto i lavoratori autonomi (21,4%) e in misura inferiore i dipendenti (12,7%). E’ quanto emerge da un’indagine realizzata da Demoskopika su un campione di 1.539 persone i cui risultati sono stati anticipati dall’Ansa.

“Il turista post Covid-19”, spiega il presidente di Demoskopika, Raffaele Rio, “ha voglia di villeggiare quasi esclusivamente in Italia e in totale sicurezza. L’epidemia sanitaria non poteva non ripercuotersi inevitabilmente anche sui consumi turistici. In questo quadro, saranno premiate quelle destinazioni turistiche che meglio sapranno interpretare i desiderata del mercato autoctono”. “Rilevare l’opinione degli italiani – commenta l’assessore al turismo del Comune di Siena, Alberto Tirelli – rappresenta uno strumento fondamentale per assumere un piano di azioni maggiormente consapevole in direzione di un rilancio concreto e più incisivo del comparto turistico”.