Covid: nei primi sei mesi del 2020 in Lombardia persi 110mila posti

14 Ottobre 2020, di Alessandra Caparello

Sono 110mila i posti di lavoro persi in Lombardia nei primi sei mesi del 2020 a causa dell’effetto Covid-19 come emerge da una ricerca condotta per conto della Cisl Lombardia, sulla base dei dati Istat e Unioncamere.

Dopo la sostanziale stabilità registrata nel primo trimestre 2020, nel periodo compreso tra aprile e giugno il pieno dispiegarsi degli effetti dell’emergenza sanitaria ha determinato un significativo calo del numero di occupati in Lombardia, pari al 2,4% – spiega Elio Montanari, curatore della ricerca – Una diminuzione rilevante, che viene mitigata dal blocco dei licenziamenti e dall’esplosione della cassa integrazione. Solo a inizio 2021, quindi, si potrà avere un’idea più chiara dell’impatto del Covid-19 sul mercato del lavoro e sull’economia lombarda”.