Corte Suprema, pronuncia a favore del Travel Ban di Trump

26 Giugno 2018, di Alberto Battaglia

Il presidente Usa ha il potere di emettere ordini esecutivi in materia di sicurezza nazionale, e il Travel Ban rientra in questa categoria di provvedimento. Il controverso blocco che impedisce l’ingresso negli Usa a soggetti che abbiano sul passaporto visti rilasciati da Paesi a rischio terrorismo (Siria, Libia, Somalia, Siria, Yemen, Corea del Nord e Venezuela) avrà dunque validità nonostante le decisioni dei giudici federali che l’avevano bloccato. Secondo i giudici della Corte il divieto è legittimo in quanto non viene fatto nessun richiamo alla religione (nonostante i richiami verbali del presidente Usa) e pertanto non viene ritenuto discriminatorio su questa base. La decisione ha ottenuto una maggioranza di misura: 5 voti contro 4.

Donald Trump ha esultato su Twitter commentando con uno “Wow” la decisione della Corte Suprema: “SUPREME COURT UPHOLDS TRUMP TRAVEL BAN. Wow!”