Corruzione: indagato il prossimo vicepresidente del Consiglio di Stato

24 Gennaio 2019, di Alessandra Caparello

Indagato Sergio Santoro, candidato alla vice presidenza del Consiglio di Stato. L’accusa per il magistrato è di corruzione nell’ambito di un’indagine della Procura di Roma che riguarda una serie di sentenze amministrative aggiustate in cambio di tangenti. Un’indagine che ha già portato alla detenzione in carcere di 15 persone e che ha visto avvocati, imprenditori e magistrati accusati di aver aggiustato processi in favore dei clienti dello studio guidato da Piero Amara e Giuseppe Calafiore. La Procura di Roma ha chiesto per Santoro una proroga di indagini.

Ex capo di gabinetto del sindaco Alemanno e discusso presidente dell’Autorità dei contratti pubblici, Santoro, unico candidato in lizza, domani dovrebbe essere nominato numero due di Palazzo Spada.