Coronavirus pesa sulla moda italiana, nel primo semestre atteso fatturato in calo dell’1,8%

5 Febbraio 2020, di Mariangela Tessa

L’epidemia di coronavirus peserà in modo significativo sull’industria italiana della moda, che potrebbe registrare nel primo semestre dell’anno un calo del fatturato dell’1,8%, secondo le stime della Camera Nazionale della Moda (Cnmi).

“In dicembre le attese per il 2020 erano di un ritorno alla nostro storico ritmo di crescita del 3% l’anno dopo il +0,8% del 2019, ma con la diffusione del virus è cambiato tutto”, ha detto Carlo Capasa, presidente di Cnmi. “Il pieno impatto economico non può essere ancora calcolato, ma saremo fortunati se riusciremo a chiudere l’anno con un +1%”, ha aggiunto.

La diffusione del virus sta spingendo molti brand dell’alto di gamma a chiudere parte dei loro negozi in Cina, principale mercato del lusso del mondo, alimentando i timori di un danno significativo sulle vendite se l’epidemia non sarà contenuta velocemente.