Consumi: maggio migliora ma sempre in territorio negativo. Soffre la ristorazione

25 Giugno 2021, di Alessandra Caparello

Nel mese di maggio e rispetto ad un anno fa, i consumi in Italia segnano una flessione del 27% contro -63% di aprile. Così emerge dall’Osservatorio permanente Confimprese-EY sui consumi di mercato secondo cui è ancora fortemente negativo il bilancio da inizio anno, con una flessione del 49%.

A soffrire di più, come prevedibile, il settore della ristorazione, che a maggio perde quasi il 50% rispetto allo stesso periodo 2019.

Complessivamente a livello geografico le diverse aree del Paese mostrano andamenti diversi. Va meglio al Sud (Campania, Calabria, Sicilia, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata) col -17%, in netto recupero rispetto al mese precedente (-66%).
Nel Nord-Est (Emilia-Romagna, Triveneto) si registra il trend peggiore -32%, seguita dal Centro (Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Sardegna) con un -29% e dal Nord-Ovest (Lombardia, Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta) con -28%.