12:39 venerdì 15 Luglio 2016

Consulta: no al taglio della reversibilità per le giovani badanti

ROMA (WSI) – La Corte Costituzionale ha bocciato la norma contro le giovani badanti, introdotta nel 2012 e che prevedeva il taglio della pensione di reversibilità se tra i coniugi ci sono più di 20 anni di differenza.

In particolare la norma prevedeva che a fronte di un matrimonio tra una persona ultrasettantenne e un’altra che sia più giovane di oltre vent’anni, l’importo della pensione di reversibilità derivante dalla morte del più anziano viene ridotto del 10% per ogni anno di matrimonio inferiore a 10. Una norma che è stata introdotta per arginare il fenomeno dei matrimoni contratti da un anziano con la giovane badante che, al decesso del primo, ottiene la pensione di reversibilità. Secondo la Consulta, chiamata a giudicare la norma, non è oggi così raro che un anziano sposi un giovane e come tale non si può porre limiti legati all’età per il matrimonio.

Breaking news

29/05 · 17:37
Piazza Affari chiude in ribasso (-1,5%), vendite su Mps

Giornata in rosso per le borse europee e Piazza Affari. Crolla Mps in scia alla nuova tegola giudiziaria sugli aiuti di Stato

29/05 · 16:54
Eventi estremi: Helvetia Italia sostiene riqualificazione per rigenerare ecosistema

Helvetia Italia è impegnata attivamente nella tutela della biodiversità e rigenerazione del territorio per prevenire i rischi che negli ultimi tempi gli eventi catastrofali hanno determinato sul territorio italiano. In collaborazione con la naturetech company 3Bee, infatti, l’Oasi Helvetia, che nel 2023 contava già 200 piante nettarifere, si è recentemente arricchita di ulteriori 200 elementi.

29/05 · 09:10
Piazza Affari apre sotto la parità, oggi inflazione Germania

Avvio debole a Piazza Affari e in Europa. Oggi i dati sui prezzi al consumo tedeschi e gli indici di fiducia in Italia

29/05 · 08:47
Fmi rivede al rialzo previsioni Pil Cina: +5% e +4,5% nel 2024-25

Il FMI ha aggiornato le sue previsioni sulla crescita economica della Cina per quest’anno al 5%, rispetto al 4,6% precedente

Leggi tutti