Confindustria Venezia: occorre puntare al re-shoring

17 Giugno 2016, di Alessandra Caparello

VENEZIA (WSI) – Al via la delocalizzazione al contrario, in gergo detta re-shoring, ossia il fenomeno per cui le produzioni delocalizzate tornano in Italia puntando su qualità e manodopera specializzata.

Questo l’obiettivo che si son posti gli imprenditori veneti, riuniti nella loro assemblea confindustriale alla presenza di Matteo Zoppas, presidente di Confindustria e Venezia e Rovigo e Vincenzo Boccia, presidente nazionale. Il primo ha così affermato:

“Il re-shoring  potrà avvenire se anche in Italia, come accade all’estero, noi imprenditori verremo trattati come creatori di valore e di occupazione”.

Fa eco alle parole di Zoppas, il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, presente all’assise di ieri:

“Combattere la cultura anti-industriale è una questione di interesse nazionale. Dobbiamo passare da una cultura di impresa a una politica per l’impresa, dove distinguere le cose urgenti dalle cose importanti”.