Confindustria: il Pil va meglio del previsto, ma pesa incertezza politica

25 Maggio 2017, di Alberto Battaglia

“L’Italia si accoda all’andamento positivo europeo: il Pil va meglio dell’atteso ed è in accelerazione; l’export continua a guadagnare quote di mercato; gli investimenti proseguono nello slancio, con l’aggiunta di quelli in costruzioni. I consumi continuano a essere alimentati dai guadagni nel monte retribuzioni, anche se risentono del rincaro della bolletta energetica”. Questa la sintesi dell’ultimo bollettino del Centro studi di Confindustria che, però, ammonisce che “l’incertezza politica costituisce un freno al pieno dispiegarsi delle forze del recupero”.

A marzo le esportazioni italiane sono cresciute del 4,0% a prezzi costanti (-2,0% a febbraio; Nel primo trimestre l’incremento congiunturale è stato del 2,1%. In crescita anche l’andamento degli investimenti
con gli ordini interni di beni strumentali a +22,2% nel primo trimestre rispetto a un anno prima.
Continua, invece, la discesa dei prestiti alle imprese: -0,2% a marzo.