Cisco investe in Italia: 100 milioni in tre anni

21 Gennaio 2016, di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – Ammontano a 100 milioni di dollari gli investimenti che Cisco ha previsto nel nostro paese nei prossimi tre anni, annunciati a seguito di un incontro tra il premier Matteo Renzi, il CEO, Chuck Robbins e l’Amministratore Delegato di Cisco Italia Agostino Santoni. Gli investimenti porteranno avanti iniziative legate alla Ricerca e Sviluppo, alla collaborazione con le università italiane ed alla trasformazione digitale di due settori industriali di eccellenza del nostro Paese: il settore manifatturiero ed il settore agroalimentare.

Gli investimenti dovranno da un lato portare allo sviluppo delle competenze digitali e della consapevolezza delle opportunità offerte dal digitale e dall’altra sostenere la comunità delle start up innovative italiane. Sulla base di questi obiettivi, il CEO di Cisco ha firmato un accordo con il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca che prevede azioni di formazione per docenti e studenti sui percorsi del programma Cisco Network Academy®. Cisco inoltre amplierà ulteriormente il suo Programma Networking Academy® e sta valutando opportunità di investimento con Invitalia Ventures. Questo consentirà a Cisco di investire nello sviluppo delle migliori start-up del paese e di contribuire ad accelerare il potenziale tecnologico dell’Italia.

Il tutto mentre continuano gli investimenti nell’attività di ricerca basata in Italia nei laboratori Cisco® Photonics di Vimercate (MB). Così ha dichiarato Chuck Robbins:

“Ammiro molto il Primo Ministro Renzi per la passione con cui persegue l’obiettivo di sfruttare la tecnologia per trasformare profondamente l’Italia, e per noi è un onore poter collaborare. Incrementando i suoi investimenti, Cisco svilupperà un ecosistema di talenti, imprenditorialità e innovazione che accelererà il percorso digitale del Paese e lo aiuterà a cogliere l’opportunità senza precedenti che ha di fronte”.