Cina, dal 2020 porte aperte agli investimenti esteri nel settore finanziario

11 Ottobre 2019, di Mariangela Tessa

La Cina mantiene le promesse e apre la sua economia agli investimenti esteri già a partire dal prossimo anno. La conferma è arrivata oggi con la pubblicazione di un calendario per l’eliminazione di diverse restrizioni agli investimenti esteri nel settore finanziario. I tempi sulla revoca delle restrizioni dipenderà dal tipo di società.

In particolare, a partire dal prossimo anno, le società finanziarie straniere (gestori patrimoniali, compagnie assicurative, fondi di investimento) potranno investire in Cina senza limiti di detenzione di capitale. Finora, invece, c’era l’obbligo per le società straniere di collaborare con un partner locale. Mentre era vietato detenere oltre il 49% delle joint venture in cui avevano investito.