Pagamenti, Cgia Mestre: “Equitalia predica bene e razzola male”

2 Ottobre 2017, di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – Equitalia è stata chiusa ma le polemiche continuano e a muoverle la CGIA di Mestre che denuncia la violazione della normativa sui tempi di pagamento da parte dell’ex società di riscossione.

Come segnala il coordinatore dell’Ufficio studi dell’Associazione Artigiani Piccole Imprese Mestre Paolo Zabeo:

“Quando era chiamata a riscuotere non guardava in faccia nessuno. Nei confronti dei contribuenti era rigorosa, inflessibile e non ammetteva alcuna giustificazione. Quando, per contro, doveva onorare gli impegni contrattuali sottoscritti, almeno alla luce di quanto è accaduto nel 2016, questa precisione e meticolosità nel rispettare le scadenze sfumava, al punto tale che liquidava i propri fornitori oltre i termini di legge. In altre parole, praticava bene, ma razzolava male (…) Se l’anno scorso sia Equitalia Spa sia l’Inail hanno pagato i propri fornitori con 13 giorni di ritardo medi ponderati rispetto a quanto previsto dalle disposizioni di legge, che prevedono il pagamento Ufficio Studi CGIa 30 settembre 2017 Ufficio Studi CGIa – Associazione Artigiani e Piccole Imprese Mestre – CGIa Via Torre Belfredo 81/e – 30174 Venezia-Mestre – www.cgiamestre.com 2 fattura entro 30 giorni dalla data di ricevimento, altre Amministrazioni finanziarie si sono “comportate” addirittura peggio: l’Inps, ad esempio, ha onorato gli impegni di pagamento con 29 giorni medi ponderati di ritardo e la Sogei Spa (società di Information technology del Ministero dell’Economia delle Finanze) con 14″.