Cesare Battisti estradato in Italia. Ministro Bonafede: “Sconterà l’ergastolo”

14 Gennaio 2019, di Alessandra Caparello

Il terrorista Cesare Battisti è arrivato in Italia. Dopo una fuga dall’Italia durata 38 anni l’ex membro dei Proletari Armati per il Comunismo (PAC) era stato trovato in Bolivia e da qui è partita la procedura di estradizione. A quanto si apprende dall’agenzia stampa Ansa, Battisti sconterà la pena in cella da solo e con sei mesi di isolamento diurno.

Ad attendere all’aeroporto di Ciampino l’arrivo di Battisti, che con il tempo è diventato uno scrittore popolare in Francia, ci sarà il ministro dell’Interno Matteo Salvini e il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede.“È un risultato storico per il paese”, ha detto Bonafede sottolineando che ora Battisti “sconterà l’ergastolo”. Quello di Battisti sarà un ergastolo ostativo, ossia senza la possibilità di ottenere benefici nell’esecuzione della pena.

“Non è un punto d’arrivo ma un punto partenza. Sono sicuro che le forze dell’ordine, con i servizi d’intelligence, potranno riassicurare alle galere altre decine di delinquenti, vigliacchi e assassini”, ha aggiunto Salvini.