Camera, approvata risoluzione sul Mes. Conte: “Nulla da temere”

11 Dicembre 2019, di Alberto Battaglia

“Il Governo italiano intende promuovere, in seno al Consiglio Europeo, una maggiore coesione fra i leader europei. Non è, questo, nella famiglia europea il tempo per dividersi o per lasciarsi dividere. L‘Italia non ha nulla da temere anche perché il suo debito è pienamente sostenibile, come dimostrano le valutazioni delle principali istituzioni internazionali, inclusa la Commissione, e come confermano i mercati”: così il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, nel corso della sua relazione in Aula, al termine della quale è stata approvata la risoluzione sul Meccanismo europeo di stabilità. Il voto ha visto 291 voti favorevoli e 222 voti contrari.

“La revisione del trattato sul Mes  non apporta modifiche sostanziali al trattato già esistente e – in particolare – non introduce, ed è nostra ferma intenzione che questo non accada, alcun automatismo nella ristrutturazione del debito di uno Stato, ma lascia alla Commissione europea il fondamentale ruolo di valutarne la sostenibilità e di assicurare la coerenza complessiva delle analisi macroeconomiche effettuate sui Paesi membri”, ha aggiunto Conte.

Luigi Di Maio ha rivendicato “la logica del pacchetto” e si è detto “soddisfatto per la risoluzione di maggioranza che prevede le modifiche richieste dal Movimento”.