Brexit, scontro Davis-May su piano d’adesione all’unione doganale

6 Giugno 2018, di Alberto Battaglia

Theresa May sta affrontando una dura discussione con il segretario alla Brexit, David Davis, sul piano di sostegno del governo per evitare un confine duro in Irlanda.

Fonti del gabinetto hanno confermato l’esistenza di una bozza di quattro pagine della proposta inviata ai ministri che sostiene di voler legare indefinitamente la Gran Bretagna all’unione doganale dell’Ue come parte di un piano di “backstop” sul confine irlandese. In particolare, Davis è ansioso di vedere stabilita una data definitiva per il piano, che manterrebbe l’intero Regno Unito all’interno di aree chiave dell’unione doganale fino a quando non sarà possibile trovare una soluzione definitiva al problema dei confini irlandesi. May aveva programmato l’invio del piano a Bruxelles questa settimana, ma è stata costretta ad attendere dopo che Davis aveva guidato una “ribellione da parte dei ministri euroscettici”, si apprende dal Guardian.

Il segretario alla Brexit avrebbe il timore che l’attuale versione del piano possa lasciare indefinitamente la Gran Bretagna legata all’unione doganale, il che preclude la possibilità per la Gran Bretagna di stringere accordi commerciali con altri paesi.