Brexit, lavoratori europei nel Regno Unito pronti ad andarsene

28 Giugno 2017, di Livia Liberatore

Secondo un’analisi di Deloitte, il 36% dei lavoratori non britannici del Regno Unito pensa di lasciare il Paese entro il 2022, il 26% entro il 2020. La percentuale è pari a un milione 200 mila posti di lavoro sui tre milioni e mezzo di immigrati stranieri, europei e extraeuropei, al momento nel Paese.

Il Regno Unito perderebbe così molti lavoratori specializzati. La proposta di Theresa May sul futuro status dei 3 milioni di europei che vivono nel Regno Unito non convince i negoziatori europei sulla Brexit e neanche le associazioni che rappresentano i cittadini europei nel Regno Unito.