Brexit, il sindaco Johnson: come uno spiraglio di luce in una prigione

7 Marzo 2016, di Alberto Battaglia

Il più popolare degli oppositori interni al partito di David Cameron sul tema della Brexit, il sindaco di Londra Boris Johnson, ha ulteriormente colorato di enfasi metaforica l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, paragonandola alla fuga da una prigione.

“E’ come quando il carceriere, lasciando accidentalmente aperta la porta della cella, rende possibile la vista della terra illuminata dal sole all’esterno”, ha dichiarato Johnson alla Bbc in un’intervista rilasciata ieri.

Secondo il sindaco di Londra, la Brexit sarebbe “meravigliosa” e libererebbe le imprese britanniche del peso delle regolamentazioni europee.
Il referendum sull’uscita del Regno Unito dall’Ue, che avrà luogo il prossimo 23 giugno, ha visto le forze del partito conservatore dividersi fra i sostenitori della Brexit e del Bremain. Fra questi ultimi c’è il premier Cameron, che, in precedenza, ha raggiunto con i leader europei un nuovo compromesso sulle condizioni di adesione britanniche all’Ue.