Brasile, ex ministro Finanze Palocci in manette per corruzione

26 Settembre 2016, di Daniele Chicca

L’indagine che ruota intorno a uno scandalo di corruzione che vede coinvolti gli alti piani della politica del Brasile si allarga. Oggi è finito in manette l’ex ministro delle Finanze Antonio Palocci, con l’accusa di essere coinvolto nella maxi inchiesta che ha colpito diversi membri dell’amministrazione precedente di Lula Silva e di quella attuale di Dilma Rousseff.

Palocci, che è stato arrestato mentre si trovava a casa sua, a San Paolo, è accusato di aver favorito la società di costruzioni Odebrecht SA a cui avrebbe concesso appalti con la compagnia petrolifera nazionale Petrobras. Palocci è il secondo ex ministro a essere arrestato nell’ambito dell’operazione nome in codice “Car Wash”. L’ex presidente Lula, che si difende definendo “una farsa” l’inchiesta, è stato rinviato a giudizio con l’accusa di corruzione.