Brasile: dopo la sbornia delle Olimpiadi, torna alla realta’

29 Agosto 2016, di Mariangela Tessa

NEW YORK (WSI) – “Nonostante le difficoltà iniziali, le Olimpiadi di Rio 2016 si sono concluse nel migliore dei modi. I giochi olimpici hanno distratto gli operatori dalla realtà di una recessione economica e caos politico che avvolge il Paese”.

Cosi Michael Boye, Fixed Income Trader di Saxo Bank che, in una nota recente, sottolinea che in questi giorni tornera’ in particolare sotto i riflettori

“il processo per l’impeachment per Dilma Rousseff e il suo esito potrà definire una nuova direzione economica e politica per il Brasile. La presidente ancora in carica è stata accusata di corruzione e la sua vita politica sembra ormai al capolinea, anche perché la maggioranza dei senatori del parlamento brasiliano si è già pubblicamente dichiarata a favore della sua destituzione.

“Tuttavia – continua la nota – nel bel mezzo di questa sbornia olimpica e impasse politica, il futuro potrebbe essere più luminoso. Il Manufacturing PMI, che traccia il sentiment tra i responsabili degli acquisti, dopo il crollo di maggio a quota 41,6 è risalito fino all’attuale 46. Inoltre la produzione industriale è cresciuta nel mese di giugno per il quarto mese consecutivo.

Gli investitori hanno visto un notevole rally delle obbligazioni brasiliane in questi ultimi anni. Il CDS (Credit Default Swap) USD a 5 anni, una proxy per il rischio di default, è sceso da 500 punti base a 254 punti base. I titoli di stato a 10 anni denominati in USD hanno ora un rendimento del 4% contro i massimi del 7,4%”.