BoE lascia fermi i tassi, riviste al ribasso stime Pil Uk

1 Agosto 2019, di Mariangela Tessa

A fronte dei segnali sempre più concreti che preannunciano una Brexit hard, la Bank of England (BoE), ha lasciato invariati i tassi di interesse allo 0,75%, mantenendo inalterato anche il piano di acquisto di asset (Quantitative Easing). La decisione di lasciare invariati i tassi di interesse è stata votata all’unanimità dal Comitato di politica monetaria (Monetary Policy Committee, o MPC).

Il Monetary Policy Committee ha poi deciso, sempre all’unanimità, di confermare il piano QE da 435 miliardi di sterline e gli acquisti di bond societari per 10 miliardi.

“Nel caso di una Brexit senza accordo, il tasso di cambio della sterlina probabilmente si ridurrebbe, l’inflazione aumenterebbe e la crescita del Pil rallenterebbe“, scrive la BoE nel comunicato della sua riunione di politica monetaria, che vede ora un Pil in aumento dell’1,3% sia nel 2019 sia nel 2020, mentre in precedenza stimava una crescita dell’1,5% per quest’anno e dell’1,6% per il 2020.