Bce domanda più poteri sul clearing dei derivati a Londra

23 Giugno 2017, di Livia Liberatore

La Banca centrale europea ha chiesto, con una raccomandazione al Parlamento europeo e al Consiglio, che nel suo Statuto siano incluse competenze di regolamentazione sulle attività di clearing sui derivati e in generale sugli strumenti finanziari. La piazza dove avvengono in maggioranza queste operazioni è Londra. Con questo atto, risulta chiara la discesa in campo della Bce nel campo delle trattative sulla Brexit.

La Bce vorrebbe emendare l’articolo 22 del suo Statuto, che tratta i sistemi di clearing, al fine di

“monitorare e affrontare i rischi associati alle attività di compensazione centrale suscettibili di influenzare la conduzione della politica monetaria, il funzionamento dei sistemi di pagamento e la stabilità dell’euro”, spiega in un comunicato