Bankitalia: “Fragili 50 Bcc, a rischio tensioni finanziarie”

21 Marzo 2016, di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – Possibile rischio di tensioni finanziarie a causa di un numero “non marginale”, circa 50 banche di credito cooperativo in condizioni di fragilità. A parlare in questi termini il capo della vigilanza della Banca d’Italia, Carmelo Barbagallo intervenendo al convegno della Fondazione Italianieuropei:

“La componente più fragile del settore è individuabile nelle Bcc che presentano contemporaneamente coefficienti di capitale più bassi e tassi di copertura inferiori a quelli medi del sistema bancario nazionale. In base ai primi dati riferiti a dicembre 2015, le Bcc in tale condizione erano circa 50 e rappresentavano il 16 per cento dell’attivo della categoria. In tale contesto, aumenta la probabilità che un numero non marginale di Bcc vada incontro a tensioni a causa della difficoltà di alimentare il patrimonio nella misura e con la rapidità imposti dal contesto regolamentare, istituzionale e di mercato”.