12:40 giovedì 2 Novembre 2017

Banche venete, Barbagallo (Bankitalia): “Vertici inadeguati”

ROMA (WSI) – Gestione inadeguata e autoreferenziale quella delle due banche venete, secondo quando ha riferimento il responsabile della vigilanza di Bankitalia, Carmelo Barbagallo, in audizione davanti alla commissione sulle banche.

“Le criticità emerse per le due banche venete sono riconducibili, in ultima istanza, all’inadeguatezza del loro governo societario e, in tale ambito, all’autoreferenzialità del management”.

In merito al fenomeno delle ‘porte girevoli‘ fra vigilanti e vigilati, sulle assunzioni di ispettori di palazzo Koch alle banche, Barbagallo afferma:

“La Banca d’Italia non incoraggia né auspica che propri dipendenti siano assunti dai soggetti vigilati; in ogni caso anche quando questo accade, ciò non influisce – né per quanto a mia conoscenza ha mai influito – sul corretto espletamento delle funzioni di vigilanza”.

Breaking news

16:12
Apertura in calo a Wall Street: S&P 500 a -0,3%, Nasdaq cede lo -0,27%

Apertura negativa per Wall Street nonostante i record di chiusura di ieri per S&P 500 e Nasdaq Composite. Gli investitori puntano su un taglio dei tassi d’interesse a settembre dopo i recenti dati sull’inflazione. Le dichiarazioni di Loretta Mester, presidente della Fed di Cleveland, sottolineano l’importanza di non attendere troppo per ridurre i tassi.

13:38
Abionyx Pharma in forte crescita a Parigi dopo il feedback positivo della FDA

Abionyx Pharma ha registrato un significativo aumento del valore delle sue azioni alla Borsa di Parigi, grazie al feedback positivo ricevuto dalla FDA riguardo la richiesta di autorizzazione per un nuovo farmaco sperimentale contro la sepsi, denominato Cer-001.

11:59
Chiusura mista per le Borse cinesi: Shanghai a 0,12%, Hong Kong cede lo -0,94%

Le principali borse cinesi hanno chiuso la giornata in modo contrastante, con Shanghai e Shenzhen in rialzo grazie ai dati positivi sull’economia, mentre Hong Kong ha registrato una flessione. L’andamento riflette le differenti dinamiche economiche e di mercato nelle diverse regioni della Cina.

11:19
Il debito pubblico italiano cresce di 11,5 miliardi: il report di Bankitalia

Ad aprile il debito delle Amministrazioni pubbliche italiane è cresciuto di 11,5 miliardi, raggiungendo i 2.905,7 miliardi di euro. Bankitalia spiega che l’aumento è dovuto principalmente al fabbisogno delle Amministrazioni centrali, mentre le Amministrazioni locali e gli Enti di previdenza sono rimasti stabili.

Leggi tutti