Banca Etruria insolvente: via a processo per bancarotta fraudolenta

11 Febbraio 2016, di Daniele Chicca

La Banca Etruria – l’istituto regionale pre salvataggio – è insolvente: lo ha deciso il tribunale di Arezzo. La sentenza apre ora la strada al processo per bancarotta fraudolenta, capitolo che prevede accuse gravi su come è stata gestita la banca.

L’apertura del fascicolo da parte della procura aretina si concentrerà dissesto finanziario dell’istituto di credito dal 2012 al 2015. Alla guida della banca toscana in qualità di vice presidente c’è stato anche Pier Luigi Boschi, il padre di Maria Elena Boschi, ministro delle Riforme. Non è da escludere che potrebbero esserci nuovi indagati. Per ora le ipotesi di reato sono state l’ostacolo alla vigilanza, l’emissione di fatture false, la mancata comunicazione di conflitto di interessi e la truffa.