Azionario: Asia negativa dopo Wall Street, Tokyo resiste alle vendite

12 Maggio 2016, di Laura Naka Antonelli

ROMA (WSI) – La chiusura negativa di Wall Street condiziona il trend dei principali listini azionari dell’Asia. Borsa Tokyo riesce a virare in territorio positivo, ed ad accelerare negli ultimi minuti delle contrattazioni, con l’indice Nikkei 225 che chiude con un rialzo di +0,41% a 16.646,34 punti.

Banche sotto pressionein Australia, con il titolo Westpac che è sceso oltre -3,5%, dopo alcune indiscrezioni riportate dall’Australian Financial Review, secondo cui le autorità di regolamentazione sarebbero pronte a presentare nuove accuse contro la banca, già accusata di manipolazione di mercato, nella giornata di domani. Sidney -0,24%, Seoul chiude con -0,13%. Nel finale, i listini riescono a ridurre le perdite.

Mercati azionari cinesi in lieve calo.

L’azionario asiatico ha dovuto fare i conti con l’effetto Wall Street, che ha visto il Dow Jones cedere -217 punti, o -1,21%, e riportare la performance peggiore su base giornaliera dallo scorso 11 febbraio, quando ha perso -1,60%.

Il Dow si appresta a chiudere in rosso per la terza settimana negativa. S&P -1,20%, anche se in rialzo +0,36% dall’inizio della settimana. Nasdaq -1,02%, +0,52% dall’inizio della settimana.