Assoutenti: Antitrust blocchi il rischio-stangata sui prelievi Bancomat

20 Gennaio 2021, di Alberto Battaglia

La richiesta di Bancomat Spa di modificare le condizioni di remunerazione del servizio di prelievo di contante pressi gli sportelli Atm delle varie banche, lasciando ai singoli istituti di credito la facoltà di scegliere i costi da applicare agli utenti al momento di eseguire un prelievo, non ha convinto Assoutenti, che teme rincari ai danni dei residenti nei piccoli Comuni.

“Se passerà la proposta di Bancomat, attualmente al vaglio dell’Antitrust, si determinerà una vera e propria stangata a danno dei consumatori e una lesione dei loro diritti”, ha dichiarato il presidente di Assoutenti, Furio Truzzi, “le banche potranno scegliere in totale autonomia le commissioni da far pagare sui prelievi agli sportelli, e solo al momento di eseguire l’operazione il consumatore verrebbe a conoscenza di tali costi, con una violazione della trasparenza. Una situazione che, inoltre, creerà evidenti disparirà di trattamento tra cittadini: chi infatti risiede in piccoli comuni, aree montane o zone isolate dove ci sono pochi Atm, sarà costretto a sottostare a nuovi costi non avendo possibilità di scelta tra vari istituti”.

Negli ultimi due anni, ha calcolato Assoutenti, i costi medi annui per la gestione di bancomat e carte di credito hanno subito un rincaro del +8,5%.