Armi italiane all’Arabia saudita: procura apre inchiesta

12 Ottobre 2016, di Alessandra Caparello

BRESCIA (WSI) – La procura di Brescia ha aperto un fascicolo per il mancato rispetto da parte del governo italiano del divieto sancito dalla legge n. 185 del 1990 sull’esportazione di armi verso paesi in conflitto.

E questo paese in conflitto a cui l’Italia avrebbe conferito ben 257 milioni di armi è l’Arabia saudita nella guerra con lo Yemen.

L’indagine della procura bresciana vuole far luce sul cargo di bombe che dall’aeroporto di Cagliari era diretto alle forze saudite. Il ministro della difesa Roberta Pinotti si trova proprio in Arabia Saudita e da Twitter fa sapere che il Ministero è pronto a querelare chi diffonde falsità.