Arabia saudita: “Non si ripeterà l’embargo petrolifero del ’73”

22 Ottobre 2018, di Alessandra Caparello

Il petrolio non verrà usato come leva politica nel caso della morte del giornalista Jamal Khashogg. Così Khalid Al-Falih, ministro dell’Energia del regno dell’Arabia Saudita, in un’intervista alla Tass.

“Speriamo che il mondo affronti la crisi politica con saggezza e eserciteremo la nostra saggezza sia sul piano politico che su quello economico (…) Il mio ruolo di ministro dell’Energia è quello di attuare le direttive del governo, che ha un ruolo costruttivo e responsabile, e stabilizzare di conseguenza i mercati energetici mondiali, contribuendo allo sviluppo economico globale”.

Al-Falih ha poi negato con fermezza che possa ripetersi l’embargo petrolifero del 1973.