Appendino: assessore in pectore aveva evaso retta per l’asilo dei figli

30 Giugno 2016, di Alberto Battaglia

Primo imbarazzo per neo eletta sindaco di Torino, Chiara Appendino: la figura designata per ricoprire la carica di assessore alla Scuola, Federica Patti, ha evaso parte delle rette per l’asilo dei figli nel 2012. Lo denuncia un email anonima che ha subito scatenato le proteste dell’opposizione: il giudice di pace aveva appurato che la Patti, non avendo dichiarato la propria convivenza col compagno nella stessa abitazione risultava in una fascia Isee che avrebbe consentito costi inferiori. L’architetto Patti ha ammesso il fatto, ma precisando che l’errore nella compilazione del modulo Isee era stato del tutto involontario, fatto che sarebbe confermato dal provvedimento del giudice, che ha imposto alla Patti di saldare solo “metà delle quota rimasta inevasa”, si è difesa.
Il senatore Pd Stefano Esposito ha commentato: “In campagna elettorale i grillini si riempiono la bocca di legalità e onestà, ma ora veniamo a sapere che Federica Patti ha mentito e evaso le tasse”.