Allarme Welfare, case di riposo per anziani: 30% è irregolare

4 Agosto 2016, di Alessandra Caparello

MILANO (WSI) – La cronaca degli ultimi giorni ha messo in luce episodi di violenze a danni di minori in asili nido ma anche gli anziani sono a rischio. A renderlo noto un rapporto del Ministero delle salute in occasione della presentazione del programma “Estate sicura 2016” che mette in luce una situazione allarmante per il welfare italiano.

Dai controlli dei NAS in particolare è emerso che il 30% dei centri anziani presenta varie irregolarità che vanno dai maltrattamenti alle lesioni fino al sequestro di persona. In molte strutture gli anziani vengono trattati peggio di animali. Uno dei fattori scatenanti è dovuto all’aumento incontrollato di strutture abusive dove i controlli sono per lo più assenti. Sono 365 i centri di ricovero per anziani presenti su tutto il territorio nazionale e nel 2016 sono stati effettuati ben 1200 controlli in cui sono emersi 114 casi di maltrattamento, 109 casi di esercizio abusivo della professione medica, 124 case di carenza igenico-sanitaria, 68 casi di abbandono di incapace ed ancora lesioni (16), sequestri (16), ecc.