Allarme Coldiretti: senza voucher, persi 50 mila posti di lavoro in estate

21 Maggio 2018, di Mariangela Tessa

Sono circa 50mila i posti di lavoro occasionali persi quest’estate nelle attività in campagna per effetto della riforma dei voucher, che ha di fatto praticamente azzerato questa opportunità per integrare il reddito delle categorie più deboli. E’ l’allarme lanciato dalla Coldiretti che sottolinea:

L’estate coincide con il periodo di maggior impiego di lavoro nelle campagne a partire dalle attività di raccolta di verdura e frutta come ciliegie, albicocche o pesche, fino ad arrivare alla vendemmia che si concentra nel mese di settembre. Secondo un sondaggio Coldiretti/Ixé il 68% dei giovani italiani sarebbe  disponibile a partecipare alla vendemmia o alla raccolta della frutta ma la nuova normativa -precisa la Coldiretti – è stata un vero flop in agricoltura dove ha fatto crollare del 98% in valore l’uso dei buoni lavoro per effetto di in primis di un eccesso di inutile burocrazia di cui, in parte non irrilevante, è responsabile la piattaforma informatica creata dall’Inps che non tiene in considerazione le specificità del lavoro nei campi.