AIE, petrolio: stime domanda 2019 invariata ma cresce influenza degli USA

13 Dicembre 2018, di Alessandra Caparello

Il mercato petrolifero globale potrebbe andare in deficit prima del previsto e questo per effetto dell’accordo dell’OPEC con la Russia e alla decisione del Canada di tagliare le forniture. Così l’Agenzia internazionale per l’energia che ha mantenuto le sue previsioni del 2019 per la crescita della domanda mondiale di petrolio invariata rispetto alla proiezione del mese scorso, a 1,4 milioni di barili al giorno e ha dichiarato che prevede una crescita di 1,3 milioni di barili quest’anno.

L’incertezza sull’economia globale derivante dalle tensioni commerciali tra Cina e Stati Uniti potrebbe minare il consumo di petrolio il prossimo anno, mentre la crescita dell’offerta si consolida.

“Per il 2019, le nostre previsioni di crescita della domanda rimangono a 1,4 milioni di punti base, anche se i prezzi del petrolio sono diminuiti considerevolmente dai primi di ottobre”.

L’istituto con sede a Parigi inoltre ha affermato che l’influenza degli Stati Uniti sui mercati petroliferi globali sta per crescere.

Gli Stati Uniti non erano presenti a Vienna, ma nessuno può ignorare la sua crescente influenza. L’incontro della scorsa settimana ci ha ricordato che i tre big del petrolio – Russia, Arabia Saudita e Stati Uniti – la cui produzione totale comprende ora circa il 40% del totale globale, sono i protagonisti (…) Man mano che la produzione cresce inesorabilmente, diminuiranno anche le importazioni nette e le esportazioni statunitensi aumenteranno la concorrenza in molti mercati, inclusi alcuni dei paesi che si sono incontrati al summit di Vienna la scorsa settimana (…) Gli Stati Uniti sono ora il più grande produttore mondiale di petrolio greggio  e anche il più grande consumatore del mondo e i prezzi più bassi sono i benvenuti (…).