Acri-Ipsos: italiani sempre più formiche ma tornano ad investire

29 Ottobre 2020, di Alessandra Caparello

Complice la crisi dal coronavirus, sempre più italiani cercano di tirare la cinghia e risparmiare quanto più possibile. Così emerge dalla ricerca Acri-Ipsos in vista della giornata del risparmio in programma domani 30 ottobre.

Cresce la percentuale di italiani che si identifica con chi risparmia senza troppe rinunce (58%) e che guarda con soddisfazione agli ultimi 12 mesi, periodo durante il quale è accresciuto il proprio accantonamento di riserve. Gli italiani, sempre secondo la ricerca Acri-Ipsos, “non si accontentano più di accumulare liquidita ma tornano ad investire in prodotti finanziari con una determinata caratteristica: devono essere sicuri”. Gli strumenti finanziari più rischiosi, invece, restano appannaggio di una piccola minoranza (9%), mentre la maggioranza dei risparmiatori (33%) preferisce strumenti sicuri.