5G, decreto legge rafforza golden power sul settore provato

12 Luglio 2019, di Mariangela Tessa

Il Consiglio dei ministri ha approvato  ieri  un decreto legge che rafforza il “golden power” sul settore privato. La decisione – secondo  quanto ha riferito una fonte governativa alla Reuters – è stata in parte determinata dalle preoccupazioni per il potenziale coinvolgimento delle aziende cinesi HUAWEI e ZTE nello sviluppo delle reti 5G.

“Il decreto rafforza i presidi di sicurezza nazionale. Un’esigenza ritenuta ancora più rilevante alla luce dei timori su Huawei e Zte”, riferisce la fonte. La norma, che rafforza i poteri di intervento già in vigore per difendere la sicurezza e altri interessi nazionali, non menziona Huawei o Zte.