N26: stop a nuovi clienti e cripto-attività in Italia

30 Marzo 2022, di Alessandra Caparello

Stop alla filiale italiana di N26. A deciderlo Bankitalia con un provvedimento del 28 marzo 2022, che ha imposto alla succursale italiana di N26 Bank il divieto di intraprendere operazioni con nuova clientela ai sensi dell’art. 7, comma 2 del d.lgs. 231/07 e dell’art. 79, comma 4 del TUB. In particolare la filiale italiana della mobile bank tedesca non potrà aprire nuovi rapporti continuativi o effettuare qualsivoglia operazione, anche occasionale, con clientela non già censita alla medesima data, nonché non potrà offrire nuovi prodotti e servizi alla clientela esistente (ad es. cryptoassets).

La Banca d’Italia ha adottato tale provvedimento a seguito di verifiche ispettive, condotte dal 25 ottobre al 17 dicembre 2021, dalle quali sono emerse significative carenze nel rispetto della normativa in materia di antiriciclaggio. N26 Bank ha avviato alcune iniziative per rimediare a tali carenze. La Banca d’Italia si riserva di verificare il pieno superamento delle anomalie riscontrate, anche ai fini di una revisione del provvedimento.

Così si legge nel provvedimento di via Nazionale.

N26: cosa ha risposto

Banca 100% mobile, nata in Germania e lanciata anche in Italia nel 2019 raggiungendo 500mila clienti e considerata una delle fintech più importanti del panorama bancario europeo: nel suo ultimo round di finanziamenti datato 2020 la banca aveva raggiunto una valutazione di 3,5 miliardi di euro. Dal 2013 la società ha ricevuto 800 milioni di euro in finanziamenti da investitori come Tencent.
Proprio tre anni fa era stata decretata la banca più amata dagli italiani da Forbes. Il provvedimento di Bankitalia segue un altro avviato lo scorso anno dall’autorità di vigilanza Bafin. La challenger bank ha dovuto pagare una multa da 4,25 milioni di euro in Germania per presunte mancanze sui controlli anti-riciclaggio.

“In N26 prendiamo molto seriamente la nostra responsabilità di banca soggetta a vigilanza. Per questo lavoriamo da sempre a stretto contatto con le autorità di vigilanza competenti, intrattenendo con loro un rapporto di piena collaborazione al fine di assicurare un dialogo continuo e superare eventuali carenze riscontrate” così si legge sul sito della banca in risposta al provvedimento adottato dalla Banca d’Italia.
In quanto intermediario con licenza bancaria, inoltre, N26 è regolata dalla stessa normativa a cui sono sottoposte le banche tradizionali in Germania e in Europa e la Succursale Italiana è anche soggetta alla regolamentazione locale e alla vigilanza delle autorità italiane.

Negli ultimi mesi, continua la fintech tedesca, N26 ha effettuato investimenti importanti in materia di antiriciclaggio che hanno già portato a progressi significativi in quest’area, sia a livello globale che in relazione alla Succursale Italiana.

Questi interventi riguardano tutta l’infrastruttura: dal rafforzamento del personale dedicato alla governance e ai processi operativi, allo sviluppo dell’infrastruttura informatica di supporto, a modelli di machine learning, oltre che al rafforzamento dei presidi di monitoraggio delle transazioni attivi 24/7. Alla luce del provvedimento di Banca d’Italia, è evidente la necessità di continuare a rafforzare il proprio sistema di controlli antiriciclaggio, affrontando in profondità tutte le aree di miglioramento delineate dal Regolatore. Attualmente, è in corso di implementazione un piano di azione volto a colmare le carenze in materia per quanto riguarda la Succursale Italiana di N26, finalizzato a consentire alla Banca d’Italia di verificare che le debolezze sul fronte antiriciclaggio siano pienamente rimosse al fine di poter revocare il provvedimento stesso.

Cosa succede adesso

Così la banca sul suo sito precisa che al momento non è possibile aprire nuovi conti N26 per i clienti residenti in Italia e invita per chi volesse farlo, ad iscriversi alla lista d’attesa. Così per chi è già cliente N26, il provvedimento della banca non avrà impatto sul proprio conto N26: tutti i conti già attivi continueranno ad essere operativi.
Per chi invece non è ancora cliente N26 e voglia aprire un conto, la fintech sottolinea di stare già lavorando con l’autorità di vigilanza competente per ovviare alle carenze riscontrate, ma questo comporta l’interruzione temporanea delle attività di apertura di nuovi conti.

“Per questo motivo, nei prossimi mesi, non potremo acquisire nuovi clienti. Nel frattempo, puoi iscriverti alla nostra lista d’attesa: il nostro team ti contatterà non appena potremo offrirti nuovamente il conto N26 che desideri” scrive N26.