Millennial e Generazione Z oggi non risparmiano: ecco perché

16 Giugno 2022, di Alessandra Caparello

Se state pensando che tutti i ventenni che conoscete su Instagram stiano facendo spese per vacanze transatlantiche, forse avete ragione: Millennial e Generazione Z oggi non risparmiano. Questo è quanto emerge da un sondaggio pubblicato di recente dalla società di servizi finanziari Fidelity, che a metà febbraio ha intervistato 2.622 adulti sulle loro abitudini di pianificazione pensionistica. Il sondaggio ha rilevato che il 55% dei giovani tra i 18 e i 35 anni ha interrotto la pianificazione pensionistica dopo l’arrivo del Covid, e il 45% di questa fascia d’età “non vede l’utilità di risparmiare fino a quando le cose non torneranno alla normalità”.

“Negli ultimi due anni, alcune persone avevano più liquidità perché non uscivano, non andavano in vacanza”, ha detto a CNBC Make It Rita Assaf di Fidelity. “Ma soprattutto con il mercato altalenante e l’inflazione [elevata], penso che questo gruppo di persone stia pensando: “Perché dovrei creare un piano pensionistico proprio ora?”.

Perchè Millennial e Generazione Y non risparmiano

Questa tendenza è in parte dovuta all’elevato costo della vita per i giovani americani: il debito studentesco, l’aumento della domanda di alloggi e l’inflazione dell’8,6% pesano sulle menti e sui portafogli delle persone, afferma Assaf. Per esempio, se non si vuole investire in un mercato imprevedibile, è meglio aspettare che il mercato si stabilizzi, anche se miliardari come Warren Buffett ed Elon Musk sconsigliano questa pratica. E se siete preoccupati che l’inflazione superi i vostri tassi di risparmio, potreste essere più inclini a spendere.

Quanto risparmiano le diverse generazioni?

A febbraio, un sondaggio di Bankrate ha osservato che il 54% dei giovani millennial e il 46% degli intervistati della generazione Z hanno dichiarato che i loro risparmi di emergenza sono diminuiti dal 2020. L’indagine ha anche rivelato che i millennial hanno più probabilità di altre generazioni di avere debiti con la carta di credito più alti dei saldi.

Quasi la metà degli intervistati della Generazione Z – il 46% – dice che i loro risparmi di emergenza sono meno nel 2022 di quanto non fossero all’inizio della pandemia, mentre il 43% dei Millennial ha detto la stessa cosa sui loro risparmi. I risultati sono stati ancora peggiori per i millennial più giovani, quelli tra i 26 e i 32 anni, con il 54% di loro che ha detto che i loro risparmi di emergenza sono diminuiti durante la pandemia. In confronto, circa il 37% dei membri della Generazione X ha detto che i loro risparmi sono diminuiti durante la pandemia, così come solo il 27% dei baby boomer. Tuttavia, la Gen Z e la Gen X tendono a fare meglio dei Millennial in questo senso, secondo il sondaggio Bankrate.

Prima della pandemia, i Millennial tendevano effettivamente a risparmiare di più e ad evitare il debito meglio delle vecchie generazioni, perché stavano diventando maggiorenni al tempo della bolla delle dotcom e della crisi finanziaria del 2008.

Una interruzione momentanea dei risparmi

Ora l’indagine di Fidelity rileva che la decisione di interrompere i risparmi è probabilmente temporanea: il 39% dei giovani tra i 18 e i 35 anni prevede di andare in pensione più tardi rispetto al periodo pre-Covid, in relazione alla decisione di ritardare i piani di risparmio di un paio d’anni.

In altre parole, almeno alcuni giovani ora pianificano di lavorare anni in più alla fine della loro carriera, per ripagare le perdite finanziarie che hanno subito durante la pandemia.

“Questa generazione è molto più consapevole di quanto lo fossero le generazioni precedenti alla loro età”, afferma Assaf. “Gli investitori più giovani vedono le lezioni apprese dalle generazioni precedenti e vogliono essere più responsabili [del loro denaro]”.

Assaf attribuisce ai consigli di alfabetizzazione finanziaria sui social media, insieme a una più precoce esposizione ai piani pensionistici sul posto di lavoro, il merito dell'”approccio più attivo” al benessere finanziario che i giovani di oggi, soprattutto donne, stanno adottando. L’esperta osserva inoltre che i risultati dell’indagine mostrano un “senso generale di ottimismo”, se non per il presente, per il futuro.

“Nella nostra popolazione generale, il 65% ha dichiarato che il 2022 sarà l’anno in cui si lascerà alle spalle la pandemia. Questo numero è salito al 74% se consideriamo solo la generazione più giovane. È logico: Hanno un orizzonte temporale più lungo e pensano: ho la pandemia alle spalle e sono pronto a concentrarmi sul futuro”.