MILANO CHIUDE NEGATIVA SULL’ONDA DI WALL STREET

24 Febbraio 2000, di Redazione Wall Street Italia

La Borsa ha chiuso in lieve calo una giornata che sino a 20 minuti dal termine era positiva.
L’indice Mibtel, dopo aver sfiorato nel durante i due punti percentuali di guadagno, ha perso lo 0,17% a 32.593 punti. Il MIb 30 cede lo 0,14% a 48.052 punti.

Il listino quest’oggi, è stato sostenuto dai titoli telefonici, tra cui spiccano le Tecnost che hanno chiuso a +10,24%.

Denaro anche su Telecom a +3,02% e Olivetti a +5,2%. Arretrano, invece, le quotazioni di Tim che lascia sul campo il 3,6%.

Anche gli editoriali hanno marciato in positivo e la sterzata finale ha ridotto di poco i loro guadagni. Su tutti ha ripreso a correre il titolo Seat P.G. a +3,92%.

Prese di beneficio su alcun bancari che nei giorni scorsi avevano fatto il mercato. A farne le spese sono state le azioni Fideuram a -1,84% e San Paolo-Imi a -3,0%. Stesso discorso per le azioni Autostrade a -2,58%.

Vendite sugli energetici: Enel a -2,64% ed Eni a -1,8%.

Continuano a prendere fiato le Fiat, anche oggi positive a +0,46%, dopo aver preso nel durante anche un +2% di guadagno.

Le Hdp, sospese per eccesso di rialzo sono state riammesse alle contrattazioni a pochi minuti dalla chiusura a +5,76%.