MILANO CHIUDE INVARIATA, MIBTEL A +0,06%

22 Febbraio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Alla fine Piazza Affari chiude praticamente invariata una seduta che era partita in ampio segno positivo. I dati in rosso, fatti segnare dagli indici di Wall Street, l’hanno poi portata in campo negativo che è stato rivisto solo nel rrush finale.

Molto bene alcuni bancari tra cui la Banca Fideuram, sugli scudi per tutta la giornata, che ha chiuso con un guadagno del 13,15%. Dietro di lei le San Paolo-Imi a +7,24% e la Rolo Banca 1473 a +6,32%.

Male tutti gli altri: Bnl a -4,38%, Bipop Carire a -4,25% e la Commerciale a -4,28%.

Sono andate in campo negativo senza mai ritirare su la testa gli energetici e gli industriali. Edison chiude a -1,75%, le Enel a -1,31%.

Pesante flessione per le Eni a -3,37%.

In rosso anche le Fiat che chiudono con una perdita secca del 3,75%. Stesso discorso per le Pirelli a -3,16%.

Tra i telefonici perdono solo le Tecnost in ribasso del 3,35%. In blu tutti gli altri: Telecom a +1,74%, le Tim a +2,87% e le Olivetti a +1,33%.

Nel Nuovo mercato, oggi, hanno corso solo le azioni della Poligrafica San Faustino e le Opengate.