L’oro scivola sui colloqui Russia-Ucraina, possibile aumento del tasso d’interesse degli Stati Uniti

15 Marzo 2022, di Gianmarco Carriol

L’oro ha esteso il suo ribasso nella sessione odierna, poiché i colloqui di cessate il fuoco tra Russia e Ucraina hanno ridotto la domanda di beni rifugio, mentre le scommesse sul fatto che la Federal Reserve americana possa aumentare i tassi di interesse per la prima volta in tre anni si sono aggiunte alla pressione sull’oro.

L’oro spot è sceso dell’2,00% a $ 1.915,51 l’oncia al momento della stesura.

Mentre l’oro sta vedendo un po’ di calma, la situazione in Ucraina è ancora molto tesa, con la volatilità e l’incertezza del mercato che probabilmente rimarranno piuttosto elevate.

I prezzi dell’oro sono destinati a scendere per la terza sessione consecutiva, che potrebbe rivelarsi la serie di ribassi più lunga dalla fine di gennaio.

Analisi tecnica XAU/USD

Grafico 4 ore XAU/USD - Tradingview

I prezzi sono direzionati al ribasso il supporto in zona $1920 è di particolare importanza, una rottura della zona con relativa chiusura al di sotto porterebbe il prezzo in zona $1900 – $1880, soglia psicologica importante. L’RSI è in prossimità del livello di ipervenduto, ma restano di principale importanza i driver internazionali.

Aumento dei tassi d’interesse USA

La Fed dovrebbe aumentare di un quarto di punto percentuale il tasso d’interesse al termine della riunione di mercoledì.

L’imminente annuncio ha mantenuto elevati i rendimenti dei titoli del tesoro statunitensi a 10 anni e ha messo sotto pressione l’oro poiché l’aumento dei tassi di interesse statunitensi aumenta il costo opportunità di detenere attività non fruttifere, come i metalli preziosi, rendendo relativamente meno attraente.

“La prima mossa di aumento dei tassi dagli Stati Uniti segnala abbastanza spesso un punto minimo per l’oro, quindi vedremo che tipo di segnale invieranno domani e quanto sarà aggressiva la loro dichiarazione, che probabilmente determinerà le prospettive a breve termine”.

Ha affermato l’analista di Saxo Bank Ole Hansen.

Nel frattempo, il palladio spot è salito dell’2,21% a $ 2.438,16 l’oncia, recupera dopo la sua sessione più debole in due anni lunedì sull’allentamento dei timori sull’offerta.

L’argento spot è sceso dell’1,84% a $24,65 l’oncia, mentre il platino è scivolato dell’1,86% a $1.018,55.