Notte magica a Venezia

7 Maggio 2019, di Margherita Calabi

Venetian Heritage festeggia il suo 20° anniversario con uno spettacolare evento a Palazzo Labia ispirato al Bal Oriental di Don Carlos de Beistegui

A cura di Margherita Calabi

Era il 3 settembre 1951 quando Don Carlos de Beistegui ospitò, nelle sale di Palazzo Labia a Venezia, Le Bal Oriental, passato alla storia come uno dei più sontuosi festeggiamenti del XX secolo. Una serata in maschera a cui hanno partecipato personaggi di spicco dell’alta società fra cui l’Aga Khan, Orson Welles e Salvador Dalì, insieme al grande stilista Christian Dior, che firmò molti degli abiti degli invitati.


L’esclusivo invito del Tiepolo Ball

A più di sessant’anni di distanza, il fascino di quella soirée rivive grazie a Venetian Heritage, organizzazione non profit, con sedi a Venezia e New York, nata con lo scopo di far conoscere al mondo le bellezze artistiche della Serenissima e di tutto il territorio della Repubblica di Venezia. In occasione del suo 20° anniversario e dell’apertura ufficiale della Biennale Arte 2019, la Fondazione, presieduta da Valentina Marini Clarelli Nasi e Peter Marino (architetto del lusso, presidente e ceo di Venetian Heritage New York), organizza l’esclusivo Biennale Gala Weekend. A partire dall’8 maggio, una serie di eventi culturali toccheranno i luoghi simbolo della città e culmineranno sabato 11 maggio con il Tiepolo Ball a Palazzo Labia. Una soirée spettacolare che avrà come sponsor la Maison francese Dior.


Valentina Marini Clarelli Nasi, presidente di Venetian Heritage. Foto: Keila Guilarte

Fondata nel 1999 da Lawrence D. Lovett, la Fondazione Venetian Heritage sostiene iniziative culturali con mostre, pubblicazioni, conferenze, studi e ricerche. Fra i progetti più importanti a Venezia, il restauro delle facciate della chiesa dei Gesuiti e della chiesa di San Zaccaria, una delle più grandi opere del primo Rinascimento veneziano. «L’ultimo progetto è stato il restauro di tre statue in marmo di Antonio Rizzo a Palazzo Ducale, un lavoro reso possibile grazie alla generosità di Peter Marino», racconta Valentina Marini Clarelli Nasi. «Ricordiamo anche il restauro di due magnifici dipinti, San Gerolamo nel deserto e Sant’Agata in prigione di Paolo Veronese, che sono stati esposti alla Frick Collection di New York, oggi nella chiesa di San Pietro a Murano. Infine, il restauro della pala gotica d’argento dorato nella chiesa di San Salvador, un lavoro straordinario. Il nostro direttore Toto Bergamo Rossi conosce profondamente Venezia e sa tutto quello che si può e che si potrebbe fare».


Lo scalone monumentale con particolare dell’ingresso al salone al primo piano della Scuola Grande San Giovanni Evangelista

I fondi raccolti durante il Biennale Gala Weekend andranno al restauro della scalinata di Mauro Codussi nella Scuola Grande San Giovanni Evangelista e del dipinto Il castigo dei serpenti di Giambattista Tiepolo, conservato presso le Gallerie dell’Accademia. «Sono molto fiera poiché solo il 10% dei fondi che raccogliamo è necessario al mantenimento dell’ufficio di Venezia, il 90% è devoluto alle opere», spiega la presidente.


Un acquarello di Alexandre Serebriakoff del Bal Oriental di Don Carlos de Beistegui

A fare da cornice al suggestivo bal masqué, evento che vede anche la partecipazione di Triboo come Media Partner, saranno le storiche sale di Palazzo Labia, edificio barocco costruito nel XVII secolo per la famiglia catalana dei Labia e oggi sede regionale della Rai. «Volevamo un posto unico, dove nessuno avesse ancora fatto qualcosa di importante. Oggi si parla ancora del famoso Bal Oriental di de Beistegui. La casa editrice Assouline l’ha incluso tra i nove party più eccezionali di sempre nel libro Bals – Legendary Costume Balls of the Twentieth Century». Nel meraviglioso Salone da ballo su due piani costruito nel 1746 dall’architetto Giorgio Massari, con il ciclo di affreschi di Giambattista Tiepolo dedicati alla storia di Antonio e Cleopatra, Valentina Marini Clarelli Nasi insieme a Peter Marino e Pietro Beccari, presidente e ceo di Christian Dior Couture, riceveranno il meglio della high society e i grandi sostenitori della Fondazione come Tilda Swinton e Jude Law.

Per informazioni: www.venetianheritage.eu

L’articolo è stato pubblicato sul numero di maggio del magazine Wall Street Italia.