La variante sudafricana corre ma è molto meno grave della Delta

9 Dicembre 2021, di Leopoldo Gasbarro

Gran parte dei problemi economici di questo periodo partono dal lockdown dello scorso anno. E’ stato quel fermo prolungato a causare tutta una serie di ritardi, condizioni di difficoltà nei trasporti, ed i coni di bottiglia, di cui si parla tanto oggi.

Da quel blocco partono i rialzi dei prezzi delle materie prime, delle fonti energetiche, da quei blocchi partono i rialzi violenti delle bollette del gas e della luce che avremo nei prossimi mesi. Insomma se c’è qualcosa di deleterio per l’economia è fermarla, bloccarla. Ed oggi c’è di nuovo il rischio che accada.

La variante sudafricana  spaventa i capi di Stato, a tal punto da non tener neanche conto dei dati sanitari che ci dicono che forse, come scritto qualche giorno fa, la variante sudafricana potrebbe addirittura essere la salvezza rispetto al covid-19.

Intanto i casi salgono di giorno in giorno. Nella sola Ue/Spazio economico europeo (Ue/See) si attestano a 212. 336 i contagi da Omicron confermati inoltre ieri sera nel Regno Unito, giorno in cui il bollettino quotidiano ha registrato 51.459 nuovi casi covid e 41 morti. E intanto il ministro francese della Salute lancia l’allarme: Omicron, dice, è “molto più contagiosa” della variante Delta. Allarme anche dal Sudafrica, dove la variante è stata isolata per la prima volta e i contagi sono ormai “da record”.

Omicron spinge forte il Covid-19  che si sta diffondendo più velocemente che mai in Sudafrica.

Tuttavia, i ricercatori di un importante complesso ospedaliero di Pretoria, hanno riferito che i loro pazienti con il coronavirus sono molto meno malati di quelli che hanno trattato in precedenza e che altri ospedali stanno osservando le stesse tendenze. In effetti, hanno affermato, la maggior parte dei loro pazienti infetti è stata ricoverata per altri motivi e non ha sintomi di Covid.

Ma tutti predicano massima attenzione fino a che i dati saranno più concreti e basati su numeri più importanti, su casistiche più importanti.

In assenza di informazioni più concrete, i governi hanno reagito alla variante sudafricana con forti restrizioni sui viaggi internazionali e nuovi requisiti di vaccinazione.

La variante si è diffusa rapidamente ed è stata finora rilevata in più di 30 paesi in sei continenti. Funzionari sanitari e ricercatori affermano che potrebbe essere la forma più contagiosa del virus finora e che potrebbe presto sostituire la variante Delta che è emersa lo scorso anno come forma predominante. Ciò ha alimentato i timori che un mondo desideroso di emergere da due anni di difficoltà pandemiche possa essere diretto verso un altro ciclo di malattia, blocco e sofferenza economica.

Gli Stati Uniti hanno iniziato a richiedere ai viaggiatori internazionali che arrivano nel paese di fornire la prova di un test del coronavirus negativo effettuato non più di 24 ore prima dei loro voli, uno standard che può essere difficile da rispettare. In precedenza, i viaggiatori completamente vaccinati potevano mostrare risultati negativi dei test effettuati fino a 72 ore prima della partenza.

La Cina, una parte importante dell’economia globale dei viaggi e del turismo, ha annunciato che per mantenere il suo approccio zero-Covid , manterrà i voli internazionali al 2,2% dei livelli pre-Covid durante l’inverno. Da agosto, ha quasi del tutto smesso di rilasciare nuovi passaporti e richiede ai viaggiatori in arrivo di mettere in quarantena per 14 giorni e fornire ampie pratiche burocratiche e più test del virus.

In Sud Africa, dove gli scienziati affermano che Omicron è già dominante, la pandemia è di nuovo in aumento. Un mese fa, il Sudafrica aveva meno di 300 nuovi casi di virus al giorno; venerdì e ancora sabato la cifra è stata di oltre 16.000.

Un rapporto pubblicato questo fine settimana dai medici dello Steve Biko Academic di Pretoria, offre il supporto più forte per un approccio più fiducioso su Omicron, sebbene il suo autore, il dott. Fareed Abdullah, abbia motivato attenzione a trarre conclusioni.

“Non sappiamo come leggere le sequenze genetiche per dire esattamente come andrà a finire questa variante”, ha detto. “Ora stiamo ottenendo maggiori informazioni dal Sudafrica, che è una popolazione particolare con un particolare profilo di immunità preesistente”.

La dott.ssa Maria D. van Kerkhove, responsabile tecnico dell’Organizzazione mondiale della sanità per il Covid, ha dichiarato domenica a CBS News che, anche se si scopre che una percentuale inferiore di casi di Omicron è grave, ciò potrebbe essere bilanciato da un numero maggiore di casi, significa più ricoveri e decessi.

Il dottor Abdullah ha anche esaminato tutti i 166 pazienti con coronavirus che sono stati ricoverati nel complesso di Biko-Tshwane tra il 14 e il 29 novembre e ha scoperto che la loro degenza ospedaliera media è stata di soli 2,8 giorni e meno del 7% è morto. Negli ultimi 18 mesi, la degenza media per tali pazienti è stata di 8,5 giorni e il 17% è morto. Soggiorni più brevi significherebbero meno stress per gli ospedali.

Parte della cautela nell’interpretare il rapporto del Dr. Abdullah è che i numeri in esso contenuti sono piccoli, i risultati non sono stati sottoposti a revisione paritaria e non sa quanti dei pazienti avevano Omicron, al contrario di altre varianti del coronavirus – sebbene il governo abbia riferito la scorsa settimana di aver già rappresentato i tre quarti dei campioni di virus in Sud Africa.

Il dottor Abdullah ha riconosciuto questi inconvenienti e ha notato che potrebbe esserci un ritardo tra la prima comparsa di Omicron e un aumento delle malattie gravi e dei decessi. Ma finora, nonostante l’enorme aumento dei casi, i decessi per Covid non sono aumentati in Sudafrica.