La de-dollarizzazione accelera: Russia lancia suo sistema interbancario

19 Febbraio 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – La Russia prende le distanze dallo SWIFT (Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunication), un’organizzazione internazionale con sede in Belgio che offre servizi e un ambiente standardizzato per la comunicazione bancaria globale che permette agli istituti finanziari di inviare e ricevere messaggi sulle loro operazioni.

Secondo quando riporta la stampa russa, questa settimana Mosca ha lanciato il suo sistema alternativo allo Swift. Si tratta di un sistema che collegherà 91 istituti di credito, suggerendo così che la de-dollarizzazione è notevolmente più avanti rispetto alle attese (soprattutto mentre la Russia si libera dei buoni del Tesoro USA a un ritmo record, a dicembre le vendite hanno toccato la cifra record di 22 miliardi di dollari) .

Sempre secondo quanto la stampa, il nuovo servizio consentirà alle banche russe di comunicare in modo trasparente attraverso la Banca Centrale di Russia. Va notato che l’istituto di politica monetaria ha avviato lo sviluppo del proprio sistema di comunicazione del paese in risposta alle ripetute minacce espresse dai partner occidentali di Mosca di escludere la Russia da Swift .

Aderendo al sistema interbancario globale nel 1989, la Russia è diventata uno degli utenti più attivi di SWIFT a livello globale, con l’invio di centinaia di migliaia di messaggi al giorno. In generale, SWIFT fornisce una rete di comunicazione sicura per più di dieci migliaia di istituzioni finanziarie in tutto il mondo, approvando operazioni per trilioni di dollari (mt)