L’FBI INDAGA SU SCIENZIATI CENTRO NUCLEARE

21 Giugno 2000, di Redazione Wall Street Italia

Svolta nelle indagini sulla sparizione degli hard disk sottratti da una cassaforte nei laboratori di ricerche nucleari di Los Alamos (Texas). L’FBI (Federal Bureau of Investigation) sospetta che siano stati gli stessi scienziati che lavorano nel centro a sottrarre i due hard disk.

La polizia federale ha sottoposto ventisei scienziati al test della verita’. Per quattro di loro il test e’ risultato positivo, in pratica sarebbero stati reticenti o avrebbero fornito versioni discordanti sulla misteriosa sparizione.

Gli investigatori – secondo quanto ha fatto sapere Bill Richardson, segretario del Dipartimento dell’Energia – non hanno elementi per sostenere che si sia trattato di un atto di spionaggio e che gli hard disk abbiano effettivamente lasciato il laboratorio texano. Richardson ha aggiunto che l’Fbi non e’ ancora stata in grado di determinare con sicurezza se quelli ritrovati nei laboratori, nascosti dietro una fotocopiatrice, siano davvero gli hard disk scomparsi.