Intesa Sanpaolo avvia il nuovo hub europeo del private banking

1 Febbraio 2019, di Redazione Wall Street Italia

Con le autorizzazione delle competenti autorità si è concluso il processo di fusione tra Intesa Sanpaolo Private Banking (Suisse) e Banque Morval, iniziato nell’agosto 2017. Nasce così Intesa Sanpaolo Private Bank (Suisse) Morval, il nuovo hub europeo del private banking con sede a Ginevra.

Alla sua guida Christian Merle come presidente del consiglio di amministrazione e Marco Longo in qualità di presidente del comitato esecutivo. Nel cda siedono otto consiglieri tra i quali Massimiliano Zanon, componente della famiglia fondatrice del gruppo Morval Vonwiller.

La nuova società, a cui farà riferimento anche la filiale di Londra, proseguirà il percorso di crescita internazionale già avviato da Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking.

“Intesa Sanpaolo Private Bank (Suisse) Morval nasce con l’obiettivo di contribuire al disegno strategico delineato nel piano d’impresa 2018 – 2021 della Divisione private di Intesa Sanpaolo: diventare una delle prime cinque private bank in Europa e la seconda nell’Eurozona per masse gestite, con l’obiettivo di un flusso di raccolta netta gestita pari a 55 miliardi di euro al 2021. Sono target sfidanti e ambiziosi che sapremo raggiungere grazie anche alla professionalità e alla dedizione dei nostri 6.000 private banker; uomini e donne straordinari in grado di mettere le loro indiscutibili competenze professionali al servizio della clientela più esigente e sofisticata, anche a livello internazionale”

ha dichiarato Paolo Molesini (nella foto), amministratore delegato di Intesa Sanpaolo Private Banking.