INDUSTRIA: PER BMW UTILE NETTO IN FORTE CRESCITA

31 Luglio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Bmw ha concluso il primo semestre con un utile netto in aumento del 67% a 319 milioni di euro su un fatturato in crescita del 15,1% a 18,82 miliardi di euro. Il Gruppo tedesco conferma la previsione di utili dell’intero esercizio superiori a 663 milioni di euro. Per i primi sei mesi gli analisti prevedevano un utile netto tra i 250 e i 343 milioni di euro. L’utile corrente del Gruppo è cresciuto del 58% a 719 milioni di euro.

Rover Cars, venduta al consorzio britannico Phoenix per il prezzo simbolico di 10 sterline, è stata consolidata nei conti Bmw fino al 9 maggio, mentre Land Rover, venduta all’americana Ford per 3 miliardi di euro, fino al 30 giugno. L’avventura Rover è costata 4,6 miliardi di euro dall’acquisizione nel 1994. Per Bmw le spese necessarie alla ristrutturazione effettuate nell’ambito della vendita di Rover non incideranno sui risultati 2000 poichè sono coperti dagli accantonamenti già contabilizzati inseriti nell’esercizio 1999.

Alla Borsa di Francoforte le azioni Bmw guadagnano il 3,58% a 37,60 euro (un euro vale 1936,27 lire).