INDUSTRIA: ORDINATIVI, CADUTA TRA APRILE E MAGGIO

1 Agosto 2000, di Redazione Wall Street Italia

Gli ordinativi dell’industria a maggio 2000 sono aumentati del 16,9% rispetto a maggio 1999, ma sono calati del 5,9% rispetto a aprile 2000 con un andamento molto negativo degli ordinativi esteri, che sono calati a maggio del 10,9%. Rispetto al mese di aprile la variazione degli ordinativi nazionali ha invece segnato un calo del 2,3%.

Su base tendenziale (mese 2000 sullo stesso mese 1999) gli ordinativi sono invece aumentati sia per la parte nazionale, +17%, che per quella estera, +16,7%.

Nei primi cinque mesi del 2000, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, si registra un aumento tendenziale degli ordinativi del 13,2%, dovuto ad aumenti del 13,2% di quelli provenienti dal mercato interno e del 13,3% di quelli provenienti dall’estero.

Quanto all’analisi per settore di attività economica, l’indice degli ordinativi risulta in aumento tendenziale in tutti i comparti. Tra gli incrementi più rilevanti, secondo l’Istat che ha diffuso il dato, vanno segnalati quelli della
produzione della carta e dei prodotti di carta (+34,3%), della produzione di fibre sintetiche e artificiali (+34,3%), delle industrie tessili e dell’abbigliamento (+28%), della produzione di metallo e prodotti in metallo (+26,5%), delle industrie delle pelli e delle calzature (+19,5%) e della produzione di macchine e apparecchi meccanici (+19,2%).