IL CRONISTA FUORILEGGE, ULTIMO VEZZO DEL GIORNALISMO

8 Marzo 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Firenze, 8 mar – L’ultimo vezzo del giornalismo italiano consiste nel trasformare i cronisti in fuorilegge “per vedere l’effetto che fa”. Giornalisti armati di forbici si avventurano dunque attraverso i check-in degli aeroporti, loro colleghe con il burqa fanno la stessa cosa, altri si fingono corruttori per smascherare i corrotti (spesso, in sostanza, istigando dei poveracci a delinquere), e così via. Il tutto in nome di un “giornalismo investigativo” decisamente casereccio. L’episodio più recente ha per protagonista un giornalista della redazione fiorentina di Repubblica che è riuscito a entrare e a girare per il museo degli Uffizi armato con un coltello e un temperino. Oggi il quotidiano ha raccontato l’impresa. Agli Uffizi non l’hanno presa bene. “Questo episodio, per quanto rilevante, non mette in dubbio un giudizio complessivo sul lavoro che ogni giorno tecnici, custodi e addetti alla sicurezza svolgono, peraltro con poche risorse finanziarie, per dare la possibilità a turisti e cittadini di ammirare il patrimonio artistico e culturale degli Uffizi”, hanno dichiarato il presidente e i componenti della commissione cultura del Comune.