Germania: partito dei Pirati si sfalda, “troppi veleni”

7 Marzo 2013, di Redazione Wall Street Italia

BERLINO (WSI) – Cattivo sentore per il Movimento 5 Stelle, il cui fondatore Beppe Grillo ha ammesso di avere paura che almeno il 15% dei suoi finira’ per tradirlo. Dopo il grande successo ottenuto alle elezioni di Berlino, il partito dei Pirati tedeschi si sta sfaldando.

Dopo neanche un anno, il segretario Johannes Ponader ha lasciato la guida del “Piratenpartei”, il partito dei pirati informatici che dalla sua nascita ha come aspirazione principale il raggiungimento di una certa forma di democrazia diretta, grazie all’utilizzo di software e di Internet per gestire le assemblee interne al movimento e per raccogliere opinioni esterne.

Il pedagogo e attore di teatro ha annunciato le sue dimissioni dall’incarico di segretario organizzativo via Twitter, parlando di motivi “personali e politici”. “Un consiglio direttivo deve prendersi le proprie responsabilità. Per me ciò significa che il mio posto a Neumarkt è a disposizione”, ha scritto Ponader, mentre nella località dell’Alto Palatinato si svolgerà a maggio il congresso nazionale dei pirati tedeschi.

Nel suo blog, il pirata dimissionario ha scritto: “Un calo massiccio dei nostri consensi, come un esito scarso delle elezioni in Bassa Sassonia devono far riflettere ogni singolo membro responsabile del nostro partito”.

Da mesi il capo dei pirati era sotto attacco ed era stato isolato nel consiglio direttivo. Ponader era ai ferri corti in particolare con il capo del partito, Bernd Schloemer, e molti compagni lo avevano accusato di essere egoista.

Ponader aveva assunto l’incarico nell’aprile 2012 da Marina Weisband. Aveva fatto parlare di sè per avere partecipato al celebre show di Guenther Jauch in sandali.

Dopo aver contagiato la rete stanca dei soliti volti noti della politica tradizionale e delle gerarchie classiche del potere, il consenso dei Pirati, che ha raggiunto l’apice quando si sono battuti contro l’abolizione del copyright, si sta affievolendo. I sondaggi danno il Piratenpartei ormai sotto il 5% e anche alle ultime elezioni amministrative non sono riusciti a mettere consiglieri nei Laender tedeschi.