False fatture e riciclaggio: in … adeguata verifica

1 Settembre 2017, di Giovanni Falcone

False fatture & riciclaggio: In … adeguata verifica!

 

Quando apprendiamo di inchieste giudiziarie volte a sgominare organizzazioni criminali dedite alle false fatturazioni o ad attività di copertura, grazie alla presenza di banche e professionisti – legali e contabili – significa che l’Adeguata verifica non è stata fatta ovvero, è stata eseguita solo in termini formali, limitandosi alla mera lettura della documentazione esibita dalla clientela (statuto, atto
costitutivo etc.).

Emblematica la vicenda che ha visto il coinvolgimento di un imprenditore conosciuto come il re delle cooperative, risultate tutte cartiere, aventi il compito di emettere i documenti fiscali che, pur senza versare l’Iva all’Erario in quanto evasori totali, hanno consentito per anni a questi grandi clienti la possibilità di detrarsi l’imposta in danno dell’Amministrazione finanziaria totalizzando una frode di oltre trenta milioni di euro (http://www.giovannifalcone.it/4981/false_fatturazioni_riciclaggio_coinvolgimento_della_banca_o_del_professionista.html).

Di tali false fatturazioni ne hanno beneficiato grandi catene commerciali di distribuzione alimentare – Esselunga e Conad – annotando le fatture per operazioni inesistenti emesse dalle Cooperative di servizi operanti nel settore del facchinaggio.

Un grosso contributo nel disegno criminale lo hanno fornito alcuni professionisti e una importante banca che hanno omesso i controlli dovuti in materia di antiriciclaggio ovvero, non hanno eseguito l’Adeguata verifica con la necessaria attenzione.

La cronaca ci aiuta 

Quando succedono vicende simili, dove i rischi di riciclaggio da evasione fiscale sono elevati, con grave nocumento del malcapitato Direttore di filiale o del professionista che, anche senza sufficiente consapevolezza, rischia in prima persona – anche in termini di pesanti sanzioni amministrative, non immaginando possibili rilievi di natura penale laddove, l’Autorità giudiziaria non ravvisi una ipotesi di “concorso o favoreggiamento del riciclaggio – ovvero la reputazione dell’Intermediario sovente messa a dura prova dal circuito mediatico per effetto dell’indagine giudiziaria.

Proprio partendo da vicende di tal fatta che ho tracciato un percorso tecnico operativo in grado di scongiurare sul nascere tutti i rischi sottesi alla “falsa fatturazione”.

…  c o n t i n u a …